Visualizzazione post con etichetta Google Adwords. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Google Adwords. Mostra tutti i post

mercoledì 15 settembre 2010

ACE Adwords Campaign Experiments

Lanciato lo scorso Giugno solo per il mercato amerericano, persto Google ACE (Adwords Campaging Experiments)presto sarà disponibile anche in Italia.

Google ACE è un nuovo strumento di Google Adwords che consentirà di effettuare dei test per prevedere quali effetti una determinata modifica porterà sulle nostre inserzioni. Per esempio volendo aumentare il bid di una determinata keyword potremmo testare la cosa prima di farlo effettivamente, in modo da capire se tale modifica porti benefici o meno, oppure abbiamo creato un nuovo design per la nostra landing page e vogliamo testarne l'efficacia, ora sarà possibile farlo.

Ecco il filmato introduttivo di Google Adwords Campaign Experiments (Google ACE)



Per eventuali domande ecco la pagine ufficiale delle FAQ di Google ACE

lunedì 6 settembre 2010

Centro Clienti Adwords

Per chi lavora come Seo in particolar modo come Sem e quotidianamente impostate moltisse campagne PPC con Google Adwords, esiste uno strumento molto pratico, il Centro Clienti di Google Adwords.

Il centro clienti non è altro che un aggregatore di tutti gli account Adwords che avete online. Utilizzando il centro clienti potrete evitare di switchare in continuazione da un account all'altro.

Semplicemente createvi un account centro clienti e aggiungete gli account che già amministrate. Poi loggatevi in questi account e autorizzate la condivisione e l'utilizzo dell'account con il centro clienti che avevate creato in precedenza.

Quello che potrete fare sarà:

Visualizzare tutti gli account collegati e le relative statistiche in un'unica schermata

Generare rapporti relativi a più account contemporaneamente

Invitare i clienti ad essere gestiti tramite l'invio di un messaggio automatico

Creare nuovi account nel Centro Clienti e collegarli automaticamente all'account principale

Creare fatture separate per ciascun cliente

Consigliatissimo.

mercoledì 21 luglio 2010

Site Links di Adwords Cosa Sono e Come Tracciarli

Google ha da poco messo a disposizione degli inserzionisti Adwords, la possibilità di inserire dei Site Links nei propri annunci. I Site Links non sono altro che altri links che vengono visualizzati nell'annuncio ma che hanno url di destinazione differente.
E' possibile impostare i Site Links accedendo alle impostazioni della Campagna di Google Adwords




I Site Links sono sicuramente molto utili per chi vende online molti prodotti sia correlati che differenti, in pratica possiamo linkare delle pagine specifiche del nostro sito tramite della anchor text scelte e da noi e che compariranno sotto l'annuncio principale di Google Adwords eccone un esempio



Tutto molto bello se non fosse che non è cosi facile riuscire a visualizzare i propri site link. In primis vengono pubblicati esclusivamente quando si è in premium position ed in più come ci informa Google Adwords

"La probabilità di pubblicazione dei link aggiuntivi è proporzionale alla qualità dell'annuncio e potrebbero non essere sempre visualizzati per ogni annuncio con ranking più elevato"

Attualmente non ho notato un grande utilizzo dei site links forse perchè appunto raramente ne sto vedendo la pubblicazione ma provare non costa nulla(che in effetti è una frase senza senso quando parliamo di Adwords).

Una cosa interessante che è possibile fare con i site links è quella di inserire al posto di un anchor text il vostro numero di telefono che linkerà la vostra pagina dei contatti. Questo perchè le funzioni click to call o l'utilizzo della funzione Estensioni dei numeri di telefono abbassano il CTR della vostra campagna.
Quando i nostri annunci non sono cliccati perdono punteggio di qualità.

Ma è possibile testare l'efficacia dei Site Links di Adwords?
Come possiamo tracciare i click effettivi provenienti dai Site links?


Ho pensato a 2 soluzioni entrambe però non applicabili a semplici pagine HTML.


Mettiamo di aver inserito come anchor text nei sitelinks di Adwords
hotel a milano e hotel torino perchè vogliamo pubblicizzare anche queste 2 pagine del nostro sito.

ora invece di inserire come url di destinazione dei Sitelinks le semplici url di queste pagine

www.nomesito.it/paginahotelamilano.php
www.nomesito.it/paginahotelatorino.php

aggiungiamo a queste url dei parametri

www.nomesito.it/paginahotelamilano.php?sitelinksadwords=hotel_a_milano
www.nomesito.it/paginahotelatorino.php?sitelinksadwords=hotel_a_torino

Ora possiamo fare 2 cose:

La PRIMA che non ho testato quindi vi invito a fare, è verificare che analytics veda effettivamente
www.nomesito.it/paginahotelamilano.php e
www.nomesito.it/paginahotelamilano.php?sitelinksadwords=hotel_a_milano

come due url differenti.

In questo caso sarebbe necessario fare una ricerca filtrata con i parametri inseriti nelle url dei sitelinks per verificare i click ricevuti da quella parola chiave

LA SECONDA è aprire un nuovo account di analytics inserire anche il nuovo script nelle pagine, senza cancellare lo script del vostro Account principale di Analytics, e inserire un controller nelle pagine di questo tipo

if($_GET['sitelinksadwors']=='hotel_a_milano')
{ script del nuovo analytics}

if($_GET['sitelinksadwors']=='hotel_a_torino')
{script del nuovo analytics}

e cosi via per tutti i casi

else
{script analytics vecchio}

Data la possibilità di convivenza di più script di analytics in una pagina credo che else possa essere anche omesso.

Voi che ne pensate avete testato altre soluzioni magari anche più semplici?

lunedì 7 giugno 2010

Keywords Dinamiche con Google Adwords

Una interessante opzione di Google Adwords è la possibilità di inserire in delle Keywords dinamiche negli annunci.
Come è ben noto inserire keyword nel titolo dell'annuncio non solo aumenta il punteggio di qualità dell'annuncio quando tale keyword viene ricercata nella query dell'utente, ma aumenta anche la possibilità di CTR e quindi di conversione di un potenziale cliente. Questo perchè la se la keyword inserita nella query è la stessa del titolo del vostro annuncio questa viene visualizzata in grassetto e quindi è più facile che salti all'occhio.

A prima vista si potrebbe pensare che strutturare annunci inserendo nel titolo ogni parola chiave della Campagna Adwords sia la soluzione, purtroppo dato che le campagne di solito utilizzano moltissime keywords questa cosa diventa assai difficile e impossibile da monitorare.

In più le keywords dinamiche forniscono alcuni vantaggi.

1) in caso di errore di battiturra della keywords, l'annuncio verrà visto ugualemente

es. agriturimo sicilia al posto di agriturismo sicilia

2) quando la query supera i 25 caratteri e include la vostra keyword dinamica l'annuncio verrà visualizzato.


3) è possibile utilizzare le keyword dinamiche anche nel url di visualizzazione questo per aumentare il quality rate dell'annuncio.




In pratica è un po' un titolo di riserva che aiuta a coprire quello che la keyword statica non copre, senza contare che come detto in precedenza un annuncio con la keywords completamente in grassetto riceve più click e quindi aumenta il CTR.

Ecco come inserirle nell'annuncio

{keyword:agriturismo sicilia}?
la keyword verrà visualizzata tutta in minuscolo.

{keyWord:Agriturismo Sicilia}
La prima lettera della keyword o delle keywords sarà in maiscolo

{keyWORD:AGRITURISMO SICILIA}
Tutta la keyword o le keywords in maiuscolo.
Per questa ultima opzione possiamo dire che Google Adwords vieta l'uso totale del maiuscolo, ma a volte può capitare che l'annuncio venga accettato provateci comunque.


Ecco un esempio visivo di annuncio con 1 keywords dinamica inserita nel titolo, potete ovviamente inserirle anche nelle righe successive:
{agriturismo sicilia}?
scopri l'arte barocca ecc...

martedì 1 giugno 2010

Google Adwords Norme per i Contenuti

Molte volte impostando campagne Adwords indirizzate a paesi stranieri, capita che gli annunci rimangano troppo a lungo in fase di revisione e che quindi non facciano effettivamente partire le nostre campagne.

I motivi possono essere molteplici, l'uso di brand non autorizzati, oppure che il nostro sito gli annunci o le di parole chiave che identificano il nostro prodotto non possono essere utilizzate in quel determinato paese.

Ogni volta che strutturate una campagna è consigliabile innanzitutto usare lo strumento Diagnostico degli Annunci che potete trovare nel menù Opportunità di Adwords.




Con questo tool è possibile verificare quali keywords permettono la visualizzazione degli annunci e quali invece no.

Anche se il vostro prodotto non viola nessun norma legale potrebbe essere che invece le parole chiave, i vostri annunci, o il vostro sito lo faccia in quel determinato paese o che invece sia totalmente vietato pubblicizzare quel servizio o prodotto.

Es. Pubblicizzare la vendità di sostanze stupefacenti con Adwords.

Capita però di ricevere messaggi del tipo keywords considerate come se fossero per siti per adulti ma che invece non lo sono.

Prima di pubblicizzare un vostro prodotto o servizio sia in Italia che su un altro paese potete verificare se è sono presenti restrizioni o violazioni degli stessi tramite le Norme per i Contenuti di Google Adwords.

giovedì 27 maggio 2010

Cosa è il CPA lo strumento per ottimizzare le conversioni di Google Adwords

Per tutti quelli che si sono chiesti come funzioni e cosa sia il CPA di Google Adwords, lo strumento per ottimizzare le conversioni, ecco un breve video che spiega il suo funzionamento e come attivarlo sulle proprie campagne.

venerdì 30 aprile 2010

Nuovo Strumento delle parole chiave di Google

Alla fine di settembre 2009, Google ha lanciato una versione beta di Adwords Keyword Tool per migliorare sia i suggerimenti delle parole chiave da scegliere sia fornire maggiori dettagli sul traffico stimato sul cpc ecc..
Le modalità di ricerca del tool base Google Keyword Tool base erano due:

1 tramite inserimento di un url di un sito e venivano estratte le keywords più significative del sito tramite la lettura dei contenuti.

2 si inseriva una lista di keywords o frasi e il tool di google Adwords elencava oltre alle keywords inserite un elenco di sinonimi dei suggerimenti.


Google ora dopo una fase di testing ha rilasciato la nuova versione Google Keyword Tool. Adesso oltre che cercare per parole o frasi, siti web, è possibile visualizzare anche le categorie di appartenenza delle keywords. Un esempio visivo per capire meglio di cosa si sta parlando.




Attualmente è possibile sia usare la vecchia versione che quella nuova

Quando il passaggio sarà definitivo il nuovo strumento di ricerca parole chiave di Google darà risultati più pertinenti e stime di traffico più precise e dettagliate quindi un bel miglioramento dal punto di vista delle strutturazione delle campagne Adwords.

mercoledì 24 marzo 2010

AdWords Search Funnels ! Monitorare con precisione le conversioni di Adwords

E in arrivo Adwords Search Funnels un set di 7 report che aiuterà notevolmente l'analisi delle conversioni.

Attualmente, le conversioni di AdWords sono attribuiti solo sull'ultimo annuncio che viene cliccato prima della conversione, non mostrando il fatto che molti utenti effettuano prima ricerche multiple e vari click e infine avviene la conversione. I report di Adwords Search Funnels consentono di vedere il quadro completo delle conversioni e di identificare il valore effettivo di una parola chiave.

Per esempio quando un utente sta cercando una offerta di un viaggio a Roma, magari la prima volta scriverà solo hotel a Roma e cliccherà sul vostro annuncio, ma non acquisterà, la terza volta scriverà hotel economico Roma e ricliccherà nuovamente sul vostro annuncio ma non acquisterà, e una terza volta scriverà offerta viaggio a Roma, e questa volta l'annuncio cliccato e porterà l'utente all' acquisto.

Tutti i click effettuati precedentemente sul vostro annuncio e le relative keywords che lo hanno fatto visualizzare ma che che non hanno portato una conversione verranno registrati come assist della parola chiave che definitivamente ha convertito.

In questo modo sarà possibile verificare effettivamente il valore di una parola chiave o meno dato che monitorerà anche le keywords che non hanno contribuito o non contribuiscono alle conversioni.

In più AdWords Search Funnels consentirà di monitorare il Path Length, la lunghezza di tutto il percorso dell'utente prima di una conversione, o anche il numero medio di click o impressioni prima della conversione e anche la Time Lag la quantità di tempo necessario per convertire un cliente dalla prima volta che ha visto o cliccato gli annunci e molto altro ancora.

Ecco un video riassuntivo (in inglese ovviamente) delle sue potenzialità e di quello che potremmo fare:



Adwords Search Funnels sarà integrato esclusivamente dentro Adwords nelle prossime settimane quindi è necessario avere un account Adwords, non lo troverete invece su Google Analytics.

giovedì 11 marzo 2010

Linee guida per i Coupons Google Adwords

Girando per la rete spesso mi appaiono annunci di Coupon Adwords da €30, €50, e €75 regalati, o addirittura di annunci di privati che vendono ad un prezzo scontato stessi coupon.
Per chi si chiedesse se regalare o vendere coupon sia legale o meno la risposta è no.
Google ci indica alcune linee guida:

E' possibile
utilizzare un coupon su un account Adwords non piu' vecchio di 2 settimane allo scopo di promuovere un sito o i suoi servizi e prodotti e ogni sito verso il quale è diretto l'annuncio puo' utilizzare solamente un bonus.


è assolutamente vietato:

1)Regalare Coupon
2)Vendere Coupon anche privatamente e anche abbassandone il costo.
Pena: Contatto Ufficio Legale di Google se vi rintracciano


3)Utilizzare più coupons per pubblicità diretta sullo stesso sito anche creando account diversi ogni sito puo' usufruire di un solo bonus.
Pena: Ban del Sito da Google

4) Inserire negli annunci il brand Google, tipo compra questo in regalo un bonus di 50 euro di Google Adwords.
L'annuncio non viene approvato

Ho individuato 3 diverse strategie di marketing adottate da Google per la distribuzione dei coupons,in rete e non per aumentare i propri clienti di Google Adwords. Queste 3 strategie variano a seconda del valore del coupon:

Il Coupon da € 30,00
sembra che sia principalmente distribuito da i partner di Google per campagne PPL (Pay per Lead). Iscriviti e avrai in regalo un coupon da € 30,00. In cambio di una tua email ti regalo 30 euro di pubblicità.
Forse la politica che il regalare coupon sia vietato non si applica a quelli del valore di € 30,00.

Il Coupon da € 50,00
La politica di Partnership che Google sta attuando per la distribuzione di questi coupon è principalmente quella di offerta bundle.
Ovvero tu hai il tuo servizio o prodotto a pagamento, Google ti permette di regalare per ogni volta che un tuo servizio o prodotto venduto un coupon di Google Adwords del valore di solito di € 50,00.

I Coupon da € 75,00
Inviati direttamente a casa per posta ordinaria a chi è già cliente Adwords o a chi ha un account Google del valore solitamente di € 75,00.

Muovo una critica per questi ultimi coupon. Chi già utilizza Adwords è ha un proprio account proprio perchè sicuramente piu' vecchio di 2 settimane non puo' inserire il bonus. Deve necessariamente creare un nuovo Account Google Adwords e migrare tutta la campagna su quello nuovo.

Giusto per correttezza ricordiamo che qualsiasi coupon ha un costo di attivazione di € 5,00 quindi i bonus sono sempre con 5 euro in meno.

venerdì 22 gennaio 2010

Cosa è il Click Fraud

Il Click Fraud è un concetto riguardante le campagne PPC (pay per click).

Questa pratica descrive un'attività illecita di click da parte o di uno script, da un programma o da un utente che intenzionalmente clicca su annunci pay per click senza essere veramente interessato all'annuncio e ai contenuti della pagina di atterraggio, l'intento è esclusivamente quello di per far spendere soldi inutilmente ai competitors, o addirittura ai propri clienti.

Sono noti casi in cui società che offrivano servizi di campagne PPC operavano Click Fraud verso i loro stessi clienti.

Da considerare è anche il fatto che il sito che lo riceve, potrebbe anche esserene un po' penalizzato dal lato Seo. Questo perchè in generale tutti i click fraud hanno una bouce rate (frequenza di ribalzo del 100%) dopo il click sull'annuncio avviene l'immediata uscita dalla pagina.

Quindi il motore di ricerca potrebbe ritenere a lungo andare la parola chiave per la quale ricevete click fraud non pertinente con i contenuti del vostro sito, e magari invece lo è davvero.

Per fortuna la tecnologia odierna permette di attrezzarsi di buoni strumenti di tracking (tracciamento) che permettono grazie a sistemi di click fraud detecting che analizzano cookie, ip e di verificare con esattezza gli accessi e la navigazione di ogni utente sul vostro sito, in modo da verificare eventuali click illeciti.

Esiste anche una associazione di agenzie e pubblisher The Click Quality Council che elenca 8 principi fondamentali per la corretta gestione delle campagne.



1. Non pagare i click ricevuti durante la stessa sessione
2. Non pagare il traffico dei Bots
3. Verificare dove, quando e come sono visualizzati i propri annunci pubblicitari
4. Avere dal nostro fornitore la facile gestione delle liste per l' esclusione di domini e IP
5. Richiedere al nostro fornitore informazioni precise su tutti i click che vengono addebitati.
6. Non pagare per traffico che provengono da origini diverse da quelle scelte nel geotargeting
7. Avere dai fornitori un sistema di verifica esterno sui click da loro registrati
8. Ricevere dai fornitori un indice di spesa medio mensile.

Queste linee guida sono da seguire principalmente per chi si affida a società esterne per la proprie campagne PPC ad esclusione di Google che già mette in atto questi principi.

Il sistema di click fraud detecting di Google è molto efficace, ma nel caso in cui sospettiate click illeciti potete compilare l'apposito modulo di segnalazione che trovate qui

Segnalazione Click Fraud a Google

martedì 12 gennaio 2010

Fare Split Test con Google Adwords

Dopo aver selezionato tutte le keywords per la nostra campagna Adwords, impostata la corrispondenza desiderata, si passa alla creazione degli annunci che verrano poi visualizzati dagli utenti dai quali cercheremo di ottenere delle conversioni.
Il suggerimento, oltre a quello di utilizzare le parole chiave fondamentali negli annunci è consigliato fare lo Split Test.

Lo Split Test non è altro che creare 2 o 3 annunci per ogni campagna o gruppo di annunci questo a seconda delle vostre esigenze e farli ruotare con la stessa frequenza o quasi, dato che spesso le percentuali di pubblicazione sono diverse e mai un 50 e 50, in modo tale da capire quali sono gli annunci che generano più click a miglior CTR.

Per fare questo nel vostro account Google Adwords selezionare la campagna entrare nel pannello delle impostazioni


Scendere quasi fino in fondo alla pagina ed accedere alla sezione
"Pubblicazione degli annunci: rotazione annunci, quota limite"



Scegliete l'opzione "Ruota, mostra tutti gli annunci con la stessa frequenza".

A questo punto gli annunci verrano pubblicati a frequenze quasi uguali. Fate partire la campagna fate girare gli annunci per una o 2 settimane e verificate i risultati.
Per esempio se per una campagna avete impostato 3 o 2 annunci ( sta a voi scegliere il numero) potrete verificare quale effettivamente sia il più redditizzio in modo da mettere in pausa quello che invece potrebbe generare impression ma pochi click, o essere meno efficaci.



A volte gli annunci hanno più o meno lo stesso rendimento, in tal caso consiglio di continuare a pubblicare tutti gli annunci.

martedì 5 gennaio 2010

Corrispondenze Keywords di Google Adwords

Buon 2010 a tutti!
Con qualche Kg in più grazie alle mega abbuffate e bevute del periodo natalizio torno quasi operativo sul Blog.
Ho notato che la sezione Google Adwords non è particolarmente ricca, eppure è uno strumento che uso quotidianamente e che viene usato quotidianamente da molti SEM e SEO.
Introduco qui uno dei concetti fondamentali rigurdanti Google Adwords ovvero la corrispondeza delle parole chiavi che vogliamo utilizzare per una campagna Pay per Click.
Una volta selezionate le parole chiavi che identificano il nostro prodotto, servizio ecc.. possiamo decidere , in base alle keywords, come e quando visualizzare gli annunci.

Esistono 4 tipi corrispondenze

Generica
Frase
Esatta
Inversa


Mi spiego meglio. Prendiamo una keyword a caso "libri avventura"

Corrispondenza Generica
Selezionando la corrispondenza Generica che è poi quella di default di Google Adwords i nostri annunci verranno visti dagli utenti ogni volta che la parola libro o avventura venga digitata in una query. Questa corrispondenza permette un numero di impression ovvero di visualizzazioni, altissimo è molto probabile che il CTR Click Trough Rate ovvero la percentuale che identifica il rapporto tra visualizzazione e click sarà molto bassa.
Per interderci se il mio annuncio è stato visualizzato 100 volte e ho ricevuto 10 click il mio CTR sarà del 10%, che di per se sarebbe un ottimo risultato.
La corrispondenza generica e quindi molto efficace se si vuole che il proprio annuncio venga visualizzato il più possibile, ma attenzione perchè è si vero che il nostro annuncio sarà visualizzato con le keywords ad esempio

Cerco libri di avventura
libri interessanti
libri gialli
dove comprare libri
libri avventura
acquistare libri
acquistare libri avventura
libri

Ma sarà anche visualizzato in manienra non pertinente tipo
avventura online
avventura emozionante
viaggio avventura
avventura
i libri religiosi ecc..

Corrispondenza Inversa
Per risolvere a questo problema esiste l'opzione corrispondenza inversa, ovvero possiamo dire a Google Adwords di non visualizzare il nostro annuncio per esempio per tutte le keywords non pertinenti come ad esempio quelle citate sopra, inserimento è manuale ovvero dobbiamo farlo noi con la santa pazienza. Bisogna comunque monitorare spesso tramite Google Analytics se ne abbiamo omessa qualcuna e che per le quali veniamo visualizzati e possiamo ricevere click inutili.
Possiamo inserire le keywords a corrispondenza inversa sia a livello campagna ovvero valida per tutta la campagna oppure a livello gruppo annunci per un determinato gruppo di annunci.

Sintassi
Per la corrispondenza generica basta scrivere la parola cosi come è.

Per la corrispondenza inversa potete inserirle o nell'apposita spazio che trovate in fondo alla pagina parole chiave.



Oppure se volete scriverle direttamente mentre inserite delle keywords sulle quali puntante, bisogna scrivere il segno - prima della keywords per la quale non vogliamo che venga visualizzato il nostro annuncio.



Corrispondenza a frase
Con questo tipo di corrispondenza, il nostro annuncio apparirà ogni qualvolta la frase "libri avventura" verrà digitata per in una query, in poche parole appariremo per

comprare libri avventura
dove comprare libri avventura
i migliori libri di avventura
offerta libri avventura

non compariremo
libri
comprare libri
libri di narrativa di avventura
libri per bambini di avventura
libri in offerta di avventura

Da notare che le particelle pronominali non vengono identificate da Google come keywords quindi libri avventura o libri di avventura sono la stessa keywords. La corrispondenza a frase è più mirata a potenziali clienti specifici.
Sintassi
per quanto riguarda la sintassi e necessario inserire la keywrods tra le "" ovvero
"libri avventura"

Corrispondenza Esatta
La corrispondenza esatta permette la visualizzazione dell'annuncio esclusivamente se viene ricercata esattamente la keyword da noi inserita. Ovviamente è la corrispondenza che targhettizza maggiormente gli utenti.

libri avventura

Sintassi
per impostare una keyword a corrispondenza esatta va inserita tra 2 parentesi quadre
[libri avventura]

Quale usare? La risposta è dipende da cosa viene pubblicizzato, dal tipo di budget e da quale è il target a cui ci riferiamo e anche per quanto tempo abbiamo intenzione di pubblicizzare qualcosa. Personalmente preferisco quella a frase e quella esatta, ma per delle campagne lampo come ad esempio una offerta di capodanno di un hotel ho usato anche quella generica.
E sottinteso che possiamo usare un mix di corrispondenze per le nostre campagne.

giovedì 15 ottobre 2009

lunedì 28 settembre 2009

Guida Google Adwords in italiano per diventare un Search Marketing Hero

Volevo segnalare questa buona guida in italiano, che aiuta a districarsi più rapidamente con la nuova interfaccia di Google Adwords e ad analizzare i risultati ottenuti!

Google Adwords Marketing Hero

lunedì 27 luglio 2009

Uso di un Marchio Registrato negli Annunci di Google Adwords

Come sapete Google attualmente almeno in Italia, ha regole molto rigide per quanto riguarda i trademark. Ovvero se non siete distributori autorizzati di un certo marchio non potete utilizzarlo nei vostri annunci Google Adwords. Ora il problema sorge se siete distributori autorizzati come è possibile usare il trademark? Ora o diventata una agentiza certificata da Google detta Google Qualified Agency, con un proprio consulente interno, ma ovviamente questo ha un costo, oppure dato che siete autorizzati all'uso del marchio e avete quindi una copia del contratto di licenza d'uso, potete o compilare questo form:

Google Form per TradeMark

oppure scrivete a ads-trademarks@google.com.

E' consigliabile per velocizzare le tempistiche avere il contratto in inglese e inviarne una copia a Google.

Attualmente giravano comunque voci di una generale liberalizzazione della cosa, staremo a vedere.

giovedì 23 luglio 2009

Google Conversion Optimizer

E' uscito il nuovo servizio Google Conversion Optimizer, che vi aiuta a ridurre il CPA Costo per acquisizione. Il servizio è disponibile per tutte le campagna che hanno generato conversion negli ultim i 30 giorni. Lo inizio a testare e vi faccio sapere.

Google Conversion Optimizer

Eccovi il video introduttivo

martedì 21 luglio 2009

Introduzione a Google Adwords

Un semplice filmato introduttivo sul funzionamento di Google Adwords. Ovviamente non scende nel dettaglio ma fornisce indicazioni generali.
Per chi non sappia cosa sia è molto esplicativo a livello base, scenderemo poi in questo blog a dettagli di come strutturare una campagna Adwords, sempre che voi siate interessati :D